IMMERSI NEL VERDE, TRA I FILARI DELLA VITE.

CH-6980 Castelrotto, Via Lüsc

CHF 620'000.-
IMMERSI NEL VERDE, TRA I FILARI DELLA VITE.
Prezzo trattabile
8 foto

Descrizione

A Croglio, in questa ridente regione del Malcantone, troviamo questa antica stalla ristrutturata completamente ad abitazione, in mezzo alla natura, incorniciata dai filari di vite, che questa zona particolare e soleggiata, produce.

In posizione estrememente tranquilla ben si adatta a quelle persone che ricercano la natura e la quiete.

La casa si svolge in un pianoterreno ed un primo piano mansardato cosi composto:

all'entrata troviamo un bel soggiorno con il caminetto a legna, la cucina aperta, il servizio WC con lavello per gli ospiti, un sottoscala, una cantina/ dispensa e la lavanderia.

Mentre al primo piano, trovano posto 2 camerette, la camera matrimoniale con il balcone ed un ripostiglio, il bagno con wc, lavello e vasca. Il soffitto é di tipo a mansarda.

La scala che porta al piano superiore é in granito e il corrimano in ferro battuto.

All'esterno, la legnaia molto ben accessibile per il carico e scarico della legna da ardere, e un bel pergolato con la vite per passare le belle giornate estive.

Piccolo parco giochi per i più piccoli completamente recintato.

Comune

Lo stemma rappresenta il castello di Albeleto che fu distrutto nel Medioevo e le due nocciole si spiegano con il latino Corolus Avellana che in italiano diventa Croglio. Questa spiegazione, data dal noto esperto di araldica Cambin, non è mai stata accettata storicamente.

Sembra che nel 1803, all'entrata del Cantone nella Confederazione, si sia scelto questo stemma per il nostro Comune in quanto sulla casa Molinari c'era un affresco con rappresentato un castello e delle nocciole.

Bisogna tener presente che, da noi, nel passato c'erano molti noccioleti e venivano coltivati per i preziosi frutti raccolti, consumati durante i mesi invernali.



In epoca preistorica il territorio dell'attuale Comune di Croglio, come tutte le valli della fascia sud prealpina, non doveva essere disabitato; lo provano numerosi oggetti neolitici e pre-liguri ritrovati in altri comuni dell'attuale Malcantone (da Sessa a Cademario). I Liguri, i Celti, gli Etruschi e i Romani devono pure aver abitato le nostre terre; ce lo confermano vari nostri toponimi e la fonetica, il lessico, la sintassi del nostro dialetto.

E' convinzione di tutti gli storici che il Cristianesimo si sia affermato, anche da noi, verso il IV / V° secolo dopo Cristo, per irradiazione da Milano e da Como.

Nel 590, Franchi e Longobardi si scontrano sulla riva destra del fiume Tresa; è la prima volta che il nostro territorio viene citato con precisione in un documento antico: l'"Historia Francorum" di Gregorio di Tours. Per trovare altre citazioni, dobbiamo risalire a dopo il Mille, alle guerre tra i Comuni di Como e di Milano quando, nel 1126, venne distrutto il "Castrum Albeleti", che gli storici situano chi a Castelrotto, chi a Beride, chi a Croglio.

Nel 1328, Croglio è citato come "Borgo".

Nel 1440 (data degli affreschi dell'abside di San Bartolomeo a Croglio) Croglio è detto "comune". E "comuni" sono, già nel Duecento, Biogno e Beride.

Nel 1336 è menzionato Purasca (toponimo ligure).

Nel 1580/82, a Castelrotto, si costituisce la Parrocchia (che comprendeva, già allora, tutte le frazioni dell'attuale Comune di Croglio); Castelroto, con Sessa, si erano già staccati dalla Pieve di Agno, nel 1561.

Sono noti gli statuti del "Comune di Castelrotto" del 1686.

E' di quell'epoca (1635/1670/1690) la costruzione dell'imponente chiesa di San Nazaro (al posto della precedente già citata nel 1301): impresa alla quale partecipò fattivamente tutta la popolazione attiva; uomini e donne che lavorarono, con licenza del vescovo di Como, anche la domenica.

Dal V° secolo in poi, le nostre terre furono soggette, con alterne vicende, a Como, a Castelseprio, a Milano, fino alla conquista degli Svizzeri, nel XVI° secolo. Questi ultimi, durante il loro dominio, fino alla fine del Settecento, non lasciarono nessuna traccia nel nostro Comune, mentre la nostra gente non rinunciò mai a una certa autogestione della sue vicinie.

Nel 1803, alla nascita del Canton Ticino, Croglio è sede del comune e comuni sono anche Biogno e Beride che restano tali fino alla loro unificazione nel 1907.

Nel 1976, il Comune di Biogno Beride si fonde con Croglio formando un unico comune che si identifica con l'antico territorio religioso-culturale della Parrocchia.

La storia della nostra economia è simile a quella di quasi tutti gli abitati del Sottoceneri: per secoli è stata caratterizzata dalla pastorizia e dall'agricoltura, integrate dai proventi dell'emigrazione edilizia specialmente in Piemonte e in Lombardia, ma anche in molti paesi d'Europa, e nelle Americhe; dalla fine dell'800, l'ultima emigrazione si diresse specialmente verso la Svizzera Romanda.

Una curiosià: il nome "Malcantone" è citato per la prima volta in un atto ufficiale, nel 1644, dal vescovo di Como Carafino, in visita pastorale a Castelrotto: "In Castro Rupto, Maliut vocant Anguli..".

Comodità

Dintorni
Verdeggiante
Calmo/tranquillo
Montagne
Vigne
Ristorante(i)
Fermata Bus
Bambini benvenuti
Parco giochi
Scuola materna
Centro sportivo
Vicino ad un campo da golf
Sentieri per escursioni
Vicino a una dogana
Monumenti religiosi
Esterno
Balcone
Giardino
Vegetazione
Parcheggio
Casa media
Interno
Senza elevatore
Camino
Camino decorativo
Doccia
Vasca da bagno
WC separati
WC ospiti
Armadio a muro
Cantina
Sgabuzzino
Doppi vetri
Cucina aperta
Dispensa
Dotazione
Cucina attrezzata
Piano cottura
Vetroceramica
Forno
Lavastoviglie
Lavanderia privata
Telefono
TV via cavo
Connessione internet
Cucina arredata
Pavimento
Piastrelle
Granito
Stato
Molto buono
Ristrutturato
Da rinfrescare
Esposizione
Sud
Ovest
Luce del sole
Favorevole
Buona
Tutto il giorno
Vista
Rurale
Montagne
Stile
Rustico

Dati generali

Categoria
Casa
Riferimento
#993305
Numero piani
2
Numero locali
4
Numero camere
3
Numero bagni
1
Numero servizi
2
Quantità di balconi
1
Superficie abitabile
Da 122 m²
Superficie balcone
8 m²
Giardino
360 m²
Superficie edificata
71.5 m²
Tipo di riscaldamento
Elettrico
Sistema sanitario ad acqua calda
Termo-pompa
Riscaldamento
Radiatore
Disponibilità
da subito
Spese accessorie
CHF 350.-/mese
Smaltimento acque reflue
Separato

Numero posti auto

Esterno (incl.)
2x
Totale (incl.)
2x

Distanze

Negozi
300 m
Stazione
3000 m
Trasporti pubblici
100 m
Autostrada
7000 m
Asilo
200 m
Scuola primaria
50 m
Posta
300 m
Banca
400 m